Partnership

Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura della Regione Marche (CCIAAM)

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura della Regione Marche (CCIAAM) è un ente pubblico che svolge funzioni di interesse generale per il sistema delle imprese, focalizzandosi sullo sviluppo delle economie locali; mantiene ed aggiorna il Registro delle Imprese del proprio territorio. Nata nel novembre 2018 dall’unione delle precedenti 5 Camere di Commercio locali, è quindi la 5^ Camera italiana per numero di imprese registrate. Tra le sue attività, vanta una vasta e consolidata esperienza nelle attività di apprendimento legate al mondo del lavoro (Alternanza Scuola Lavoro) e nell’orientamento professionale per aspiranti imprenditori. Uno staff dedicato gestisce corsi di formazione per stimolare la creazione di nuove imprese, sia in settori economici innovativi che tradizionali, anche in partnership con Scuole Superiori, Università, Centri per l’impiego e attori privati ​​della formazione. I corsi sono organizzati in diversi moduli a seconda delle varie fasi, dalla definizione dell’idea imprenditoriale alla stesura del business plan. Spesso le sue iniziative sono finalizzate a dare sostegno finanziario a particolari categorie di aziende (innovative, donne imprenditrici, giovani). Diversi corsi si concentrano sulla diffusione della digitalizzazione delle PMI. La Camera è anche tra i promotori della scuola Start Up Adriatico e Ionio, il cui scopo principale è lo sviluppo economico del turismo culturale in quella zona, attraverso la creatività e l’iniziativa dei giovani che vogliono avviare un’impresa; è un percorso formativo finalizzato allo sviluppo di start up innovative operanti nel campo del turismo culturale e finalizzato alla valorizzazione del patrimonio culturale della Macro Regione Adriatico Ionica. In quanto erede delle precedenti 5 Camere di Commercio, può vantare anche una forte e consolidata esperienza nella gestione di fondi e progetti comunitari, con un focus specifico su Erasmus +. Partecipa a diversi progetti, sia come lead partner che come partner

Università Politecnica delle Marche (UNIVPM)

Università Politecnica delle Marche (Università Politecnica delle Marche – UNIVPM) è un istituto universitario italiano con sede nella città di Ancona, fondato nel 1969. È stata la prima università italiana ad ottenere la Certificazione Integrata di Qualità secondo le norme internazionali ISO 9001, quindi L’Università Politecnica delle Marche è un riferimento regionale per la formazione di studenti italiani e stranieri. L’Università offre 5 Facoltà: Ingegneria, Economia, Agricoltura, Medicina, Scienze. Nel corso degli anni sono state aperte diverse sedi in altre città marchigiane come Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro e San Benedetto del Tronto. UNIVPM partecipa al progetto CEnTOUR con due suoi dipartimenti.
Il dipartimento in questi anni ha dedicato attenzione al tema della sostenibilità, nella consapevolezza del ruolo che svolge nella formazione delle generazioni future. In questo contesto, l’Università Politecnica delle Marche ha ideato e intende promuovere il progetto ” Univpm Sostenibile ” come contenitore di iniziative volte alla sostenibilità, applicandolo a tutte le aree di ricerca: dalla Responsabilità Sociale d’Impresa e rendicontazione sociale / sostenibilità, secondo le linee guida nazionali e internazionali, alle strategie di marketing del consumo sostenibile. Inoltre, UNIVPM con il Dipartimento di Management è membro, da marzo 2018, di EIT Climate-KIC.
Il Dipartimento di Materiali, Scienze Ambientali e Pianificazione Urbana e Progettazione Urbana dell’Università Politecnica delle Marche, e in particolare il personale coinvolto, rappresentato da Fatone, è il coordinatore dell’ampia azione di innovazione SMART-Plant di Horizon2020, e ha posizioni di leadership in altre 9 Progetti europei (programmi Horizon2020, PRIMA, Life +, Water JPI, ENI CBC MED), tra questi citiamo: H2020 ” Metodo standard ENERWATER e strumento online per la valutazione e il miglioramento dell’efficienza energetica degli impianti di trattamento delle acque reflue ” e H2020 HYDROUSA Dimostrazione di circuiti idrici con innovativi modelli di business rigenerativi per la regione mediterranea ”.”

EcoRes

EcoRes è un società di consulenza con sede a Bruxelles con 15 anni di esperienza in economia circolare, gestione delle risorse e intelligenza collettiva. EcoRes agevola la transizione di organizzazioni pubbliche e private verso la sostenibilità e la circolarità inclusiva attraverso un portfolio di servizi che copre l’intero ciclo di vita di una strategia sostenibile::
• Valutazione iniziale dei temi di sostenibilità (360 °);
• Supporto nella definizione della strategia di transizione alla sostenibilità;
• Supporto nello sviluppo di soluzioni innovative e nella loro implementazione (da soluzioni di nicchia a soluzioni di grande scala);
• Coinvolgimento e integrazione degli stakeholder all’interno dell’ecosistema dell’organizzazione;
• Rafforzamento delle capacità del personale per accelerare la transizione;
• Supporto di una rete di esperti chiave per ispirare e sviluppare il progetto

Organizzazione per lo sviluppo del settore delle piccole e medie imprese (ODIMM)

L’Organizzazione per lo sviluppo del settore delle piccole e medie imprese (ODIMM) è un’istituzione pubblica senza scopo di lucro creata nel 2007 e fondata dal Ministero dell’Economia e delle Infrastrutture che garantisce l’attuazione delle politiche nazionali di sviluppo delle PMI. Ha una vasta esperienza nello sviluppo del business , creando opportunità per avviare e sviluppare imprese di successo, soprattutto nelle zone rurali. La vision è quella di diventare il motore chiave dello sviluppo imprenditoriale moldavo accelerando il tasso di creazione di nuove imprese, contribuendo alla creazione e al mantenimento di posti di lavoro e investendo nelle industrie emergenti.
ODIMM ha assicurato negli anni un dialogo continuo tra il settore privato e le autorità centrali, essendo autore e promotore di numerose iniziative nazionali di sostegno che sono arrivate in risposta alle esigenze delle piccole e medie imprese. ODIMM ha lanciato strumenti di supporto che hanno migliorato la cultura imprenditoriale nella Moldavia e rivitalizzato l’economia del paese stimolando gli investimenti in industrie ad alto potenziale di crescita. Oggi, molte iniziative ODIMM sono considerate modelli di successo nella regione dell’Europa orientale e devono essere moltiplicate in paesi che hanno un contesto sociale e affrontano sfide economiche simili .

Centro di commercio ed innovazione (BIC)

Lo scopo del Business and Innovation Center (BIC) è quello di essere il ponte tra il settore delle imprese e l’Università. La gamma dei servizi offerti dal Centro comprende la formazione professionale e la consulenza per imprese e privati, la fornitura di condizioni favorevoli per le start-up, i servizi di alloggio in dormitori per studenti e personale, nonché la possibilità di affittare altre strutture universitarie del sud-est europeo (SEEU).

Camera di Commercio e Industria di Xanthi (EBEX)

La Camera di Commercio e Industria di Xanthi (EBEX) è un ente pubblico, istituita il 28 agosto 1956. La Camera è uno dei principali pilastri dell’economia locale, supporta imprenditori e lavoratori e prende parte a progetti transfrontalieri e transnazionali dell’UE da più di 20 anni, con l’obiettivo di rafforzare prodotti e servizi in una prospettiva sostenibile.
La Camera concentra inoltre la sua attenzione sul patrimonio culturale del territorio, enogastronomico e ambientale, preservando la storia culturale locale, con la creazione di nuovi itinerari culturali turistici. Partecipa come membro alla Rotta Fenicia del Consiglio d’Europa e alla creazione del Lavoro di Ercole.
L’ente ha una serie di attività che offre ai suoi membri, incoraggia la creazione di nuove imprese, migliora la formazione del personale, fornisce dati per i paesi terzi. Collabora con agenzie e centri di innovazione. Inoltre la Camera è membro dell’Organizzazione delle regioni frontaliere europee (AEBR). AEBR è stata fondata nel 1971 dalle prime regioni di confine che avevano avviato la cooperazione transfrontaliera in Europa dopo la seconda guerra mondiale, rafforzando l’integrazione dei cittadini attraverso i confini nazionali .

Centro per Innovazione Sociale (CSI)

Il Centro per Innovazione Sociale (CSI) è un team di professionisti con oltre 50 anni di esperienza collettiva nei settori dell’istruzione, razionalizzazione dei sistemi, tecnologie dell’informazione e della comunicazione, imprenditorialità, innovazione sociale, processo sanitario globale – scienze della vita, intervento forense aziendale, sviluppo giovanile e motivazionale e riallineamento delle risorse con obiettivi e finalità.
I membri del team fondatore hanno lavorato in tre continenti e collaborato con organizzazioni e individui di vari paesi. Hanno inoltre operato nei settori Equity Capital e Venture Capital attraverso i quali hanno contribuito in modo significativo allo sviluppo di numerose attività in vari settori. Portano tutte queste esperienze a supporto dell’identificazione di problemi sistemici e allo sviluppo e all’implementazione di soluzioni intelligenti e sostenibili su problemi sociali difficili.
Il team si sta concentrando sullo sviluppo e sull’introduzione di soluzioni dirompenti di problemi sociali, educativi ed economici sistemici. Le soluzioni dirompenti di problemi sistemici che identificano vengono sviluppate attraverso vari livelli di interazione con gli stakeholder. L’interazione a livello di stakeholder viene raggiunta attraverso il brainstorming, la ricerca sul campo e i focus group e a livello scientifico avviene attraverso la letteratura e le revisioni della ricerca scientifica. Il loro scopo è quello di interferire sistematicamente e sistematicamente nel tessuto sociale per consentire, incoraggiare e facilitare una migliore qualità della vita per il maggior numero possibile di persone.

Forum delle Camere di Commercio dell'Adriatico e dello Ionio (Forum AIC)

Il Forum delle Camere di Commercio dell’Adriatico e dello Ionio (Forum AIC) è un’Associazione nata nel 2001 che unisce 40 Camere di Commercio della Regione Adriatica e Ionica. L’obiettivo dell’ Associazione è quello di promuovere lo sviluppo economico dell’area AI, di rafforzare i rapporti tra le Camere di Commercio dei Paesi transfrontalieri e di diffondere la cultura d’impresa e imprenditoriale attraverso il coinvolgimento di tutti gli attori del territorio. L’obiettivo strategico del Forum è quello di favorire un processo di crescita all’interno del bacino e una concreta applicazione dei principi europei riferiti alle politiche di coesione e contribuire all’integrazione europea dei Balcani occidentali.
Il Forum è uno dei principali attori della strategia europea della regione adriatica e ionica (EUSAIR). È stato riconosciuto come uno degli attori chiave per quanto riguarda il Pilastro 4 (Turismo Sostenibile) che contribuisce a ridurre le barriere amministrative e a facilitare le opportunità commerciali, aumentando il valore del patrimonio culturale e la ricchezza delle diversità.

Progetto Arcadia (PA)

Progetto Arcadia (PA) è un’agenzia di consulenza fondata nel 2013 da Massimo Germani, Architetto ed Elena Gentilini, Dottorato di Ricerca in Sviluppo Locale Sostenibile e specializzata nelle strategie di finanziamento e nella progettazione e gestione di progetti finanziati dall’Unione Europea, a supporto di organizzazioni pubbliche e private con progetti di innovazione, soprattutto legati alla sostenibilità e all’economia circolare, nonché allo sviluppo culturale e turistico. L’agenzia impiega metodologie che migliorano la creatività e l’efficacia della progettazione e della gestione, come il design thinking, il design centrato sull’uomo, la gestione del ciclo del progetto, l’approccio del quadro logico, il GOPP, il PM4SD project management per lo sviluppo sostenibile.
Il ramo design, ARCADIA DESIGN by PROGETTO ARCADIA, è anche uno studio di design di prodotto/interno/architettura/ingegneria il cui approccio è caratterizzato da modularità, personalizzazione ed economia circolare.
Dal 2013 al 2017 l’agenzia ha sviluppato un sistema di arredo circolare, ora commercializzato, basato sui principi del design per il riutilizzo, per il quale sono titolari di un brevetto italiano e cofinanziato da fondi UE e finalizzato a start up innovative. Nel 2017 sono stati invitati dalla XIII Commissione del Senato della Repubblica Italiana con riferimento alle consultazioni sul Piano d’azione per l’economia circolare dell’Atto 317 dell’Unione Europea.

Camera di Commercio della Cantabria (Spagna)

La Camera di Commercio Industria e Navigazione della Cantabria è un’amministrazione locale situata a Santander (Spagna) con l’obiettivo di sviluppare e promuovere gli interessi delle imprese e delle aziende della regione. Fin dalla sua creazione nel 1886, la Camera di Commercio, Industria e Navigazione della Cantabria ha realizzato diverse azioni e progetti con lo scopo di fornire alle imprese regionali attività legate all’industria, all’ambiente e all’innovazione.
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial